il veneto in bicicletta

una storia novecentesca

Incontro con Marco Ballestracci

Martedì
16 luglio 2024

Ore 18
Museo Paleontologico Rinaldo Zardini

ingresso su prenotazione.

Saluto di Cristiano Corazzari
Assessore alla Cultura, Regione del Veneto

La bicicletta. È difficile pensare a un oggetto che rappresenti meglio il Veneto e la sua prodigiosa trasformazione nel corso degli ultimi centoventicinque anni. È al contempo uno strumento necessario per il rapido sviluppo economico, in quanto insostituibile primo mezzo di celere trasporto da casa al luogo di lavoro e viceversa, nonché fulcro esso stesso dei processi produttivi, come è dimostrato dallo straordinario sviluppo del settore ciclistico nell’industria veneta. Un legame profondo, trasferito di generazione in generazione, che ha reso possibile la preminenza mondiale delle nostre imprese nel settore della bicicletta e dei suoi componenti. Proprio in questo senso nessun altro oggetto rappresenta il tangibile legame tra il passato e il presente di questa regione. Questo libro cerca di riconoscere alla bicicletta il ruolo che le spetta nei molteplici aspetti dell’evoluzione del Veneto: culturale, imprenditoriale e, in ultima analisi, sociologica.

Marco Ballestracci scrittore, musicista blues e cantastorie, ha al suo attivo diversi romanzi, gran parte dei quali tratta da vicende sportive, e due atipiche monografie sui campioni del ciclismo Eddy Merckx (L’ombra del cannibale, Instar 2013) e Major Taylor (Black boy fly, Alvento2022). Tra i suoi libri, Imerio, romanzo di dannate fatiche(Instar, 2012), A pedate. Undici eroi per undici leggendarie partite di calcio (Mattioli 1885,2009, Premio Selezione Bancarella Sport), La storia balorda (Instar 2012),I guardiani (66th and 2nd, 2016), Giocare col Fuoco. Storie dal campionato perduto del 1944 (Mattioli 1885, 2021), Preludio e fuga di Riccardo Klement (Alphabeta2023). Scrive di musica e sport sull’inserto culturale del “Foglio”.

Segui l'evento in diretta