molte riforme per nulla

UNA CONTROSTORIA ECONOMICA DELLA SECONDA REPUBBLICA

Incontro con Alberto Saravalle e Carlo Stagnaro

Lunedì
8 agosto 2022

Ore 18
Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi

ingresso su prenotazione.

Negli ultimi trent’anni, a prescindere dal colore politico della maggioranza e dall’orientamento dei partiti al potere, tutti i governi hanno sostenuto a gran voce la necessità di «fare le riforme». Roboanti promesse di «semplificazioni, liberalizzazioni, privatizzazioni», stravolgimenti in materia di lavoro, pubblica amministrazione, fisco, industria, pensioni e giustizia civile sono riecheggiati nei programmi, eppure, alla resa dei conti, l’Italia ha «pedalato a vuoto o, meglio, camminato in tondo». Sfatando i luoghi comuni, Alberto Saravalle e Carlo Stagnaro ricostruiscono la storia delle riforme economiche dall’avvento della seconda repubblica a oggi. False partenze e ritardi ingiustificati hanno rallentato la macchina dello Stato, rendendoci la nazione meno attrattiva per gli investimenti. Per contrastare la «bulimia legislativa» che ci affligge serve un cambio di passo. Una leadership forte e inclusiva, capace di presentare le riforme come «lo strumento per trasformare l’Italia», e non come misure imposte dall’Europa, da adottare controvoglia. Se la politica, l’informazione e l’opinione pubblica hanno una colpa, è quella di averle ridotte a mero fatto tecnico. Sono, invece, scelte valoriali. Ora abbiamo un’occasione preziosa per recuperare il tempo perduto. I fondi del Next Generation Eu e il Pnrr non sono l’ultima chance, ma costituiscono l’opportunità più seria da anni. È in gioco il nostro futuro.

Alberto Saravalle è professore di Diritto dell’Unione europea all’Università di Padova. È stato tra i fondatori e presidente di uno dei principali studi legali italiani. Consigliere del sottosegretario per gli Affari europei e componente del Comitato scientifico della Presidenza del Consiglio sul futuro dell’Europa, scrive per «Il Foglio», «la Repubblica», «Corriere della Sera», «Il Sole 24 Ore», «The Wall Street Journal». Insieme a Carlo Stagnaro ha pubblicato Contro il sovranismo economico (2020).

Carlo Stagnaro è direttore delle ricerche dell’Istituto Bruno Leoni. È stato capo della segreteria tecnica del ministro dello Sviluppo economico. Fa parte dell’Institute of Economic Affairs e della redazione delle riviste «Energia» e «Aspenia». È editorialista di «Il Foglio» e «Il Secolo xix». Il suo ultimo libro è Rescuing Climate Change Policy from Government Failure (2022), scritto a quattro mani con Philip Booth.

Segui l'evento in diretta

Grazie a

Sostieni Una Montagna di Libri

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.